Pulp fiction: 20 anni fa crimine divenne pop, la citazione arte

Now watching

Next video starts in : 7 Play

Pulp fiction: 20 anni fa crimine divenne pop, la citazione arte

Pulp fiction: 20 anni fa crimine divenne pop, la citazione arte
Replay video
Up next

See Jennifer Lawrence's Mean Side in 'Serena'

Unlock your personal NFL Now stream by signing in to NFL.com

Pulp fiction: 20 anni fa crimine divenne pop, la citazione arte

by TmNews 1:50 mins

Pulp fiction: 20 anni fa crimine divenne pop, la citazione arte

by TmNews 1:50 mins

Milano (TMNews) - 20 anni di dialoghi fulminanti, di battute mandate a memoria e di scene iconiche: era il 1994 quando "Pulp Fiction" arrivò nei cinema e scardinò ogni regola di genere, di tempo e luogo consacrando la figura dell'outsider Quentin Tarantino, qui al suo secondo film, e diventando un film di culto citato, reintepretato, rimasticato in centinaia di modi diversi dal Web e dalla tv che gli hanno dedicato una serie di omaggi da cui non si è tirata indietro recentemente neanche una serie cult come "Breaking Bad". D'altronde dalla struttura narrativa ad episodi e circolare alla sceneggiatura premio Oscar, non sembrano invecchiati di una virgola gli elementi più dirompenti del film che fece del crimine un'icona pop e della citazione un'arte. Tarantino l'omaggio cinematografico ce l'ha nel sangue, che qui tra l'altro scorre a fiumi, e ci gioca con sapienza. Ci sono grandi classici citati quasi di sfuggita, ad esempio il nome del pugile contro cui combatte Butch-Bruce Willis è Wilson, come l'avversario di Marlon Brando in "Fronte del Porto". La scena più celebre del film, il ballo, nasconde addirittura una doppia citazione: John Travolta, risorto a nuova vita cinematografica grazie a questo film, imbolsito, balla sul grande schermo a decenni da "Staying Alive" in una citazione-parodia di se stesso; contemporaneamente tutta la scena è un omaggio al ballo di "Band à part", il film di Godard a cui Tarantino è legato tanto da chiamare così (Band Apart) la sua casa di produzione. E poi Cristopher Walken che interpreta un soldato prigioniero in Vietnam e richiama il ruolo che interpretò ne "Il Cacciatore" di Cimino, oltre ad una miriade di auto citazioni che creano una rete di collegamenti fra i suoi film in un dialogo continuo con se stesso, lo spettatore e il cinema.

Videos For You

Community

  1. 3:05

    Community 501 - Season 5: Super Seniors

  2. 2:30

    Community 401 - Season 4: Senior Year

  3. 3:05

    Community 301 - Season 3: Junior Year

  4. 2:56

    Community 201 - Season 2: Sophomore Year

  5. 3:02

    Community 101 - Season 1: Freshman Year

  6. 2:00

    Community Cast Announce the Season 6 Premiere Date